Menu Chiudi

Norme di prevenzione incendi

Nell’ambito delle norme di prevenzione incendi, le “regole tecniche” sono disposizione regolamentari cogenti, di norma allegate a decreti del ministero dell’interno, verso le quali è obbligatorio conformarsi nel momento in cui entrano in vigore attraverso la pubblicazione in gazzetta ufficiale.

Una regola tecnica “verticale” è una disposizione di prevenzione incendi applicabile ad una attività ben individuata, come ad esempio uffici, scuole, alberghi, ospedali, centrali termiche, ecc., mentre una regola tecnica “orizzontale” è applicabile a tutte le attività, come ad esempio le misure sulla resistenza al fuoco, la reazione al fuoco, gli impianti di protezione attiva, ecc.

Di seguito sono elencate le principali regole tecniche di tipo verticale e orizzontale, unitamente ad altri provvedimenti utili per l’attività di prevenzione incendi.

Regole tecniche verticali

Elenco delle norme di prevenzione incendi suddiviso per attività di cui all’allegato I del D.P.R. n. 151/2011.  Sono inserite anche alcune disposizioni riferite ad attività non soggette ai controlli di prevenzione incendi (es. disposizioni su fuochi artificiali, manifestazioni pubbliche, spettacoli viaggianti, ecc.), così come pure guide tecniche o linee guida, le quale, anche se non cogenti, possono fornire un utile supporto ai progettisti ai fini della prevenzione incendi e sicurezza antincendio (es. autorimesse con superficie non superiore a 300 m2, mercati su aree pubbliche, facciate negli edifici civili, attività di frantoio, ecc.).

 

Attività 1 – 3a – 4a


1 – Stabilimenti ed impianti ove si producono e/o impiegano gas infiammabili e/o comburenti con quantità globali in ciclo superiori a 25 Nm3/h.

3a – Impianti di riempimento, depositi, rivendite di gas infiammabili in recipienti mobili: compressi con capacità geometrica complessiva superiore o uguale a 0,75 m3.

4a – Depositi di gas infiammabili in serbatoi fissi: compressi per capacità geometrica complessiva superiore o uguale a 0, 75 m3.

Depositi di gas naturale e biogas

D.M. 3/2/2016 “Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l’esercizio dei depositi di gas naturale con densità non superiore a 0,8 e dei depositi di biogas, anche se di densità superiore a 0,8”.

 

Attività 2


Impianti di compressione o di decompressione dei gas infiammabili e/o comburenti con potenzialità superiore a 50 Nm3/h, con esclusione dei sistemi di riduzione del gas naturale inseriti nelle reti di distribuzione con pressione di esercizio non superiore a 0,5 Mpa.

Distribuzione di gas naturale

D.M. 16/4/2008 “Regola tecnica per la progettazione, costruzione, collaudo, esercizio e sorveglianza delle opere e dei sistemi di distribuzione e di linee dirette del gas naturale con densità non superiore a 0,8”.

Trasporto di gas naturale

D.M. 17/4/2008 “Regola tecnica per la progettazione, costruzione, collaudo, esercizio e sorveglianza delle opere e degli impianti di trasporto di gas naturale con densità non superiore a 0,8”.

 

Attività 3b


Impianti di riempimento, depositi, rivendite di gas infiammabili in recipienti mobili: disciolti o liquefatti per quantitativi in massa complessivi superiori o uguali a 75 kg.

Depositi di GPL in bombole

Circolare 20/9/1956 n. 74 “Norme di sicurezza per la costruzione e l’esercizio di depositi di GPL contenuti in recipienti portatili e delle rivendite”.

Depositi di GPL in bombole oltre 5.000 kg

D.M. 13/10/1994 “Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione, l’installazione e l’esercizio dei depositi di G.P.L. in serbatoi fissi di capacità complessiva superiore a 5 m3 e/o in recipienti mobili di capacità complessiva superiore a 5.000 kg”.

 

Attività 4a


Depositi di gas infiammabili in serbatoi fissi: compressi per capacità geometrica complessiva superiore o uguale a 0, 75 m3.

Depositi di gas naturale e biogas

D.M. 3/2/2016 “Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l’esercizio dei depositi di gas naturale con densità non superiore a 0,8 e dei depositi di biogas, anche se di densità superiore a 0,8”.

 

Attività 4b


Depositi di gas infiammabili in serbatoi fissi: disciolti o liquefatti per capacità geometrica complessiva superiore o uguale a 0,3 m3

Depositi di GPL fino a 13 metri cubi

D.M. 14/5/2004 “Approvazione a regola tecnica di prevenzione incendi per l’installazione e l’esercizio dei depositi di gas di petrolio liquefatto con capacità complessiva non superiore a 13 metri cubi”.

Depositi di GPL oltre 13 metri cubi

D.M. 13/10/1994 “Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione, l’installazione e l’esercizio dei depositi di G.P.L. in serbatoi fissi di capacità complessiva superiore a 5 m3 e/o in recipienti mobili di capacità complessiva superiore a 5.000 kg”.

Depositi di GNL – Gas Naturale Liquefatto

Lettera circolare DCPREV n. 13839 del 11/8/2021 “Guida tecnica per la redazione dei progetti di prevenzione incendi relativi a depositi ed impianti di alimentazione di gas naturale liquefatto (GNL) con serbatoio criogenico fisso a servizio di impianti di utilizzazione diversi dall’autotrazione, con capacità complessiva non superiore a 50 tonnellate”.

 

Attività 5


Depositi di gas comburenti compressi e/o liquefatti in serbatoi fissi e/o recipienti mobili per capacità geometrica complessiva superiore o uguale a 3 m3.

Ossigeno liquido

Circolare n. 99 del 15/10/1964 “Contenitori di ossigeno liquido. Tank ed evaporatori freddi per uso industriale”.

 

Attività 6


Reti di trasporto e di distribuzione di gas infiammabili, compresi quelli di origine petrolifera o chimica, con esclusione delle reti di distribuzione e dei relativi impianti con pressione di esercizio non superiore a 0,5 Mpa.

Distribuzione gas naturale

D.M. 16/4/2008 “Regola tecnica per la progettazione, costruzione, collaudo, esercizio e sorveglianza delle opere e dei sistemi di distribuzione e di linee dirette del gas naturale con densità non superiore a 0,8”.

Trasporto gas naturale

D.M. 17/4/2008 “Regola tecnica per la progettazione, costruzione, collaudo, esercizio e sorveglianza delle opere e degli impianti di trasporto di gas naturale con densità non superiore a 0,8”.

 

Attività 7


Centrali di produzione di idrocarburi liquidi e gassosi e di stoccaggio sotterraneo di gas naturale, piattaforme fisse e strutture fisse assimilabili, di perforazione e/o produzione di idrocarburi di cui al D.P.R. 24 maggio 1979, n. 886 ed al D.Lgs. 25 novembre 1996, n. 624.

Produzione e stoccaggio sotterraneo di idrocarburi

D.Lgs. 25/11/1996, n. 624 “Attuazione della direttiva 92/91/CEE relativa alla sicurezza e salute dei lavoratori nelle industrie estrattive per trivellazione e della direttiva 92/104/CEE relativa alla sicurezza e salute dei lavoratori nelle industrie estrattive a cielo aperto o sotterranee”.

 

Attività 10 – 11 – 12


10 – Stabilimenti ed impianti ove si producono e/o impiegano, liquidi infiammabili e/o combustibili con punto di infiammabilità fino a 125 °C, con quantitativi globali in ciclo e/o in deposito superiori a 1 m3.

11 – Stabilimenti ed impianti per la preparazione di oli lubrificanti, oli diatermici e simili, con punto di infiammabilità superiore a 125 °C, con quantitativi globali in ciclo e/o in deposito superiori a 5 m3.

12 – Depositi e/o rivendite di liquidi infiammabili e/o combustibili e/o oli lubrificanti, diatermici, di qualsiasi derivazione, di capacità geometrica complessiva superiore a 1 m3.

Oli minerali

D.M. 31/7/1934 “Approvazione delle norme di sicurezza per la lavorazione, l’immagazzinamento, l’impiego o la vendita di oli minerali, e per il trasporto degli oli stessi”.

Attività di frantoio

Linee guida di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio delle attività di frantoio oleario – oleificio.

 

Attività 13


Impianti fissi di distribuzione carburanti per l’autotrazione, la nautica e l’aeronautica; contenitori – distributori rimovibili di carburanti liquidi.

a) Impianti di distribuzione carburanti liquidi;

b) Impianti fissi di distribuzione carburanti gassosi e di tipo misto (liquidi e gassosi).

Distributori stradali di carburanti liquidi

Circolare 10/2/1969, n. 10 “Distributori stradali di carburanti”.

Distributori stradali di GPL

D.P.R. 24/10/2003 n. 340 “Regolamento recante disciplina per la sicurezza degli impianti di distribuzione stradale di GPL per autotrazione”.

Distributori stradali di metano

D.M. 24/5/2002 (con allegato sostituito dal D.M. 28/6/2002) “Norme di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio degli impianti di distribuzione stradale di gas naturale per autotrazione”.

Distributori di tipo L-GNL, L-GNC e L-GNC/GNL per autotrazione

D.M. 30/6/2021 “Regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la realizzazione e l’esercizio di impianti di distribuzione di tipo L-GNL, L-GNC e L-GNC/GNL per autotrazione alimentati da serbatoi fissi di gas naturale liquefatto”.

Gas naturale per autotrazione uso privato

D.M. 30/4/2012 “Regola tecnica di prevenzione incendi per l’installazione e l’esercizio di apparecchi di erogazione ad uso privato, di gas naturale per autotrazione”.

Distributori stradali di idrogeno

D.M. 23/10/2018 “Regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio degli impianti di distribuzione di idrogeno per autotrazione”.

Contenitori distributori rimovibili

D.M. 22/11/2017 “Regola tecnica di prevenzione incendi per l’installazione e l’esercizio di contenitori–distributori, ad uso privato, per l’erogazione di carburante liquido di categoria C”.

 

Attività 15


Depositi e/o rivendite di alcoli con concentrazione superiore al 60% in volume di capacità geometrica superiore a 1 m3.

Soluzioni idroalcoliche

D.M. 18/5/1995 “Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio dei depositi di soluzioni idroalcoliche”.

 

Attività 17 – 18


17 – Stabilimenti ed impianti ove si producono, impiegano o detengono sostanze esplodenti classificate come tali dal regolamento di esecuzione del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza approvato con regio decreto 6 maggio 1940, n. 635, e successive modificazioni ed integrazioni.

18 – Esercizi di minuta vendita e/o depositi di sostanze esplodenti classificate come tali dal regolamento di esecuzione del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza approvato con regio decreto 6 maggio 1940, n. 635, e successive modificazioni ed integrazioni. Esercizi di vendita di artifici pirotecnici declassificati in “libera vendita” con quantitativi complessivi in vendita e/o deposito superiori a 500 kg, comprensivi degli imballaggi.

Esplosivi

R.D. 6/5/1940 n. 635 “Approvazione del regolamento per l’esecuzione del Testo Unico 18 giugno 1931, n. 773, delle Leggi di Pubblica Sicurezza”.

Disposizioni su fuochi artificiali

Circolare n° 559/C.25055.XV.A. MASS(1) del 11/1/2001 “Disposizioni in ordine alla sicurezza ed alla tutela dell’incolumità pubblica in occasione dell’accensione di fuochi artificiali autorizzata ai sensi dell’articolo 57 del TULPS”. Linee guida per le commissioni tecniche territoriali in sede di sopralluogo ispettivo presso fabbriche e depositi di fuochi di artificio.

 

Attività 48


Centrali termoelettriche, macchine elettriche fisse con presenza di liquidi isolanti combustibili in quantitativi superiori a 1 m3.

Macchine elettriche

D.M. 15/7/2014 “Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, l’installazione e l’esercizio delle macchine elettriche fisse con presenza di liquidi isolanti combustibili in quantità superiore ad 1 m3”.

 

Attività 49


Gruppi per la produzione di energia elettrica sussidiaria con motori endotermici ed impianti di cogenerazione di potenza complessiva superiore a 25 kW.

Gruppi Elettrogeni

D.M. 13/7/2011 “Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la installazione di motori a combustione interna accoppiati a macchina generatrice elettrica o ad altra macchina operatrice e di unità di cogenerazione a servizio di attività civili, industriali, agricole, artigianali, commerciali e di servizi”.

 

Attività 55


Attività di demolizioni di veicoli e simili con relativi depositi, di superficie superiore a 3.000 m2.

Demolizione di veicoli

D.M. 1/7/2014 “Regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio delle attività di demolizioni di veicoli e simili, con relativi depositi, di superficie superiore a 3000 m2”.

 

Attività 58 – 59 – 60 – 61 – 62


58 – Pratiche di cui al D.Lgs. 17 marzo 1995, n. 230 e s.m.i. soggette a provvedimenti autorizzativi (art. 50 del D.Lgs. 31/7/2020, n. 101 ed art. 13 legge 31 dicembre 1962, n. 1860).

59Autorimesse adibite al ricovero di mezzi utilizzati per il trasporto di materie fissili speciali e di materie radioattive (art. 43 del D.Lgs. 31/7/2020, n. 101).

60 Impianti di deposito delle materie nucleari ed attività assoggettate agli articoli 59 e 95 del D.Lgs. 31/7/2020, n. 101 con esclusione dei depositi in corso di spedizione.

61Impianti nei quali siano detenuti combustibili nucleari o prodotti o residui radioattivi [art. 1, lett. b) legge 31/12/1962, n. 1860].

62Impianti relativi all’impiego pacifico dell’energia nucleare ed attività che comportano pericoli di radiazioni ionizzanti derivanti dal predetto impiego: – impianti nucleari; – reattori nucleari, eccettuati quelli che facciano parte di un mezzo di trasporto; – impianti per la preparazione o fabbricazione delle materie nucleari; – impianti per la separazione degli isotopi; – impianti per il trattamento dei combustibili nucleari irradianti; – attività di cui agli articoli 76 e 94 del D.Lgs. 31/7/2020, n. 101.

Sostanze radioattive

D.Lgs. 31 luglio 2020, n. 101 “Attuazione della direttiva 2013/59/Euratom, che stabilisce norme fondamentali di sicurezza relative alla protezione contro i pericoli derivanti dall’esposizione alle radiazioni ionizzanti, e che abroga le direttive 89/618/Euratom, 90/641/Euratom, 96/29/Euratom, 97/43/Euratom e 2003/122/Euratom e riordino della normativa di settore in attuazione dell’articolo 20, comma 1, lettera a), della legge 4 ottobre 2019, n. 117”.

 

Attività 65


Locali di spettacolo e di trattenimento in genere, impianti e centri sportivi, palestre, sia a carattere pubblico che privato, con capienza superiore a 100 persone, ovvero di superficie lorda in pianta al chiuso superiore a 200 m2. Sono escluse le manifestazioni temporanee, di qualsiasi genere, che si effettuano in locali o luoghi aperti al pubblico.

Locali di pubblico spettacolo

D.M. 19/8/1996 “Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio dei locali di intrattenimento e di pubblico spettacolo”.

Impianti Sportivi

D.M. 18/3/1996 “Norme di sicurezza per la costruzione e l’esercizio degli impianti sportivi”.

Manifestazioni pubbliche

Circolare M.I. n. 11001/1/110/(10) del 18 luglio 2018 relativa alla direttiva sui modelli organizzativi e procedurali per garantire alti livelli di sicurezza in occasione di manifestazioni pubbliche e linea guida per l’individuazione delle misure di contenimento del rischio in manifestazioni pubbliche, edizione luglio 2018.

Spettacoli viaggianti

DM 18/5/2007 “Norme di sicurezza per le attività di spettacolo viaggiante”.

 

Attività 66


Alberghi, pensioni, motel, villaggi albergo, residenze turistico – alberghiere, studentati, villaggi turistici, alloggi agrituristici, ostelli per la gioventù, rifugi alpini, bed & breakfast, dormitori, case per ferie, con oltre 25 posti letto; Strutture turistico – ricettive nell’aria aperta (campeggi, villaggi turistici, ecc.) con capacità ricettiva superiore a 400 persone.

Alberghi

D.M. 9/4/1994 “Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la costruzione e l’esercizio delle attività ricettive turistico – alberghiere”.

Campeggi

D.M. 28/2/2014 “Regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l’esercizio delle strutture turistico ricettive in aria aperta (campeggi, villaggi turistici, ecc.) con capacità ricettiva superiore a 400 persone”.

 

Attività 67


Scuole di ogni ordine, grado e tipo, collegi, accademie con oltre 100 persone presenti; Asili nido con oltre 30 persone presenti.

Scuole

D.M. 26/8/1992 “Norme di prevenzione incendi per l’edilizia scolastica”.

Asili nido

D.M. 16/7/2014 “Regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio degli asili nido”.

 

Attività 68


Strutture sanitarie che erogano prestazioni in regime di ricovero ospedaliero e/o residenziale a ciclo continuativo e/o diurno, case di riposo per anziani con oltre 25 posti letto; Strutture sanitarie che erogano prestazioni di assistenza specialistica in regime ambulatoriale, ivi comprese quelle riabilitative, di diagnostica strumentale e di laboratorio, di superficie complessiva superiore a 500 m2.

Strutture Sanitarie

D.M. 18/9/2002 “Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l’esercizio delle strutture sanitarie pubbliche e private”.

 

Attività 69


Locali adibiti ad esposizione e/o vendita all’ingrosso o al dettaglio, fiere e quartieri fieristici, con superficie lorda superiore a 400 m2 comprensiva dei servizi e depositi. Sono escluse le manifestazioni temporanee, di qualsiasi genere, che si effettuano in locali o luoghi aperti al pubblico.

Attività commerciali

D.M. 27/7/2010 “Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio delle attività commerciali con superficie superiore a 400 m2”.

Mercati su aree pubbliche

Nota STAFFCNVVF prot. n° 3794 del 12/3/2014 “Raccomandazioni tecniche di prevenzione incendi per la installazione e la gestione di mercati su aree pubbliche, con presenza di strutture fisse, rimovibili e autonegozi”.

 

Attività 71


Aziende ed uffici con oltre 300 persone presenti.

Uffici

D.M. 22/2/2006 “Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l’esercizio di edifici e/o locali destinati ad uffici”.

 

Attività 72


Edifici sottoposti a tutela ai sensi del D.lgs. 22 gennaio 2004, n. 42, aperti al pubblico, destinati a contenere biblioteche ed archivi, musei, gallerie, esposizioni e mostre, nonché qualsiasi altra attività contenuta nel presente Allegato.

Edifici storici destinati a musei

D.M. 20/5/1992, n. 569 “Regolamento contenente norme di sicurezza antincendio per gli edifici storici e artistici destinati a musei, gallerie, esposizioni e mostre”.

Edifici storici destinati a biblioteche

D.M. 30/6/1995, n. 418 “Regolamento concernente norme di sicurezza antincendio per gli edifici di interesse storico – artistico destinati a biblioteche ed archivi”.

 

Attività 74


Impianti per la produzione di calore alimentati a combustibile solido, liquido o gassoso con potenzialità superiore a 116 kW.

Impianti termici a combustibili liquidi

D.M. 28/4/2005 “Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l’esercizio degli impianti termici alimentati da combustibili liquidi”.

Impianti termici a gas

D.M. 8/11/2019 “Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la realizzazione e l’esercizio degli impianti per la produzione di calore alimentati da combustibili gassosi”.

 

Attività 75


Autorimesse pubbliche e private, parcheggi pluriplano e meccanizzati di superficie complessiva coperta superiore a 300 m2;

Autorimesse

D.M. 1/2/1986 “Norme di sicurezza antincendi per la costruzione e l’esercizio di autorimesse e simili” (in vigore fino al 18 novembre 2020). Con l’entrata in vigore, il 19 novembre 2020, del DM 15 maggio 2020 deve essere applicato il codice di prevenzione incendi con riferimento al Capitolo V.6 – Autorimesse.

Per le autorimesse con superficie non superiore a 300 m2 è stata elaborata la guida tecnica, non cogente, allegata alla Lettera circolare DCPREV prot. n. 17496 del 18-12-2020 “Requisiti tecnici antincendio per autorimesse con superficie non superiore a 300 m2”.

 

Attività 77


Edifici destinati ad uso civile con altezza antincendio superiore a 24 m.

Edifici di civile abitazione

D.M. 16/5/1987, n. 246 “Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione”.

Facciate negli edifici civili

Lettera circolare prot. n. 5043 del 5/4/2013. Guida tecnica su: “Requisiti di sicurezza antincendio delle facciate negli edifici civili – Aggiornamento”.

 

Attività 78


Aerostazioni, stazioni ferroviarie, stazioni marittime, con superficie coperta accessibile al pubblico superiore a 5.000 m2; metropolitane in tutto o in parte sotterranee.

Aerostazioni

D.M. 17/7/2014 “Regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l’esercizio delle attività di aerostazioni con superficie coperta accessibile al pubblico superiore a 5.000 m2”.

Metropolitane

D.M. 21/10/2015 “Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio delle metropolitane”.

 

Attività 79


Interporti con superficie superiore a 20.000 m2.

Interporti

D.M. 18/7/2014 “Regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l’esercizio degli interporti, con superficie superiore a 20.000 m2, e alle relative attività affidatarie”.

 

Attività 80


Gallerie stradali di lunghezza superiore a 500 m e ferroviarie superiori a 2000 m.

Gallerie della rete stradale transeuropea

D.Lgs. 5/10/2006, n. 264 “Attuazione della direttiva 2004/54/CE in materia di sicurezza per le gallerie della rete stradale transeuropea”.

Gallerie ferroviarie

D.M. 28/10/2005 “Sicurezza nelle gallerie ferroviarie”.

 

Regole tecniche orizzontali

Elenco delle norme tecniche e regolamentari applicabili a tutte le attività, comprese quelle relative ad impianti inseriti in attività soggette ai controlli di prevenzione incendi, come ad esempio gli impianti di protezione attiva, climatizzazione, sollevamento fotovoltaici.

Regolamento di prevenzione incendi

DPR 1° agosto 2011, n° 151 “Regolamento recante semplificazione della disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione incendi…”.

Codice di prevenzione incendi

DM 3 agosto 2015 “Norme tecniche di prevenzione incendi, ai sensi dell’articolo 15 del D.Lgs 8 marzo 2006, n° 139”.

Termini e definizioni di prevenzione incendi

DM 30/11/1983 “Termini, definizioni generali e simboli grafici di prevenzione incendi”.

Dispositivi per l’apertura delle porte

DM 3/11/2004 “Disposizioni relative all’installazione ed alla manutenzione dei dispositivi per l’apertura delle porte installate lungo le vie d’esodo, relativamente alla sicurezza in caso d’incendio”.

Resistenza al fuoco

DM 9/3/2007 “Prestazioni di resistenza al fuoco delle costruzioni nelle attività soggette al controllo del Corpo nazionale dei vigili del fuoco”. DM 16/2/2007 “Classificazione di resistenza al fuoco di prodotti ed elementi costruttivi di opere da costruzione”.

Reazione al fuoco

DM 10/3/2005 “Classi di reazione al fuoco per i prodotti da costruzione da impiegarsi nelle opere per le quali è prescritto il requisito della sicurezza in caso d’incendio”. DM 15/3/2005 “Requisiti di reazione al fuoco dei prodotti da costruzione installati in attività disciplinate da specifiche disposizioni tecniche di prevenzione incendi in base al sistema di classificazione europeo”.

Impianti di protezione attiva

DM 20/12/2012 “Regola tecnica di prevenzione incendi per gli impianti di protezione attiva contro l’incendio installati nelle attività soggette ai controlli di prevenzione incendi”.

Impianti di climatizzazione

DM 10/3/2020 “Disposizioni di prevenzione incendi per gli impianti di climatizzazione inseriti nelle attività soggette ai controlli di prevenzione incendi”.

Impianti di sollevamento

DM 15/9/2005 “Regola tecnica di prevenzione incendi per i vani degli impianti di sollevamento ubicati nelle attività soggette ai controlli di prevenzione incendi”.

Impianti fotovoltaici

Nota DCPREV prot n. 1324 del 7/2/2012. “Guida per l’installazione degli impianti fotovoltaici”.

 

Altre norme

Altre norme o provvedimenti utili per l’attività di prevenzione incendi.

Decreto controlli

DM 1° settembre 2021 “Criteri generali per il controllo e la manutenzione degli impianti, attrezzature ed altri sistemi di sicurezza antincendio, ai sensi dell’articolo 46, comma 3, lettera a), punto 3, del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81”.

Decreto GSA

DM 2 settembre 2021 “Criteri per la gestione dei luoghi di lavoro in esercizio ed in emergenza e caratteristiche dello specifico servizio di pre­venzione e protezione antincendio, ai sensi dell’articolo 46, comma 3, lettera a), punto 4 e lettera b) del decreto legislati­vo 9 aprile 2008, n. 81”.

Decreto minicodice

DM 3 settembre 2021 “Criteri generali di progettazione, realizzazione ed esercizio della sicurezza antincendio per luoghi di lavoro, ai sensi dell’articolo 46, comma 3, lettera a), punti 1 e 2, del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81”.

Criteri generali di sicurezza antincendio

DM 10/3/1998 “Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell’emergenza nei luoghi di lavoro”.

Rischi di incidenti rilevanti – Seveso 3

D.Lgs 26/6/2015, n. 105 “Attuazione della direttiva 2012/18/UE relativa al controllo del pericolo di incidenti rilevanti connessi con sostanze pericolose”.

Approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio

DM 9/5/2007 “Direttive per l’attuazione dell’approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio”.

Testo unico sicurezza nei luoghi di lavoro

D.Lgs 9/4/2008, n. 81 “Testo unico in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro”.

Disciplina sanzionatoria in materia di lavoro

D.Lgs 19/12/1994, n° 758 “Modificazioni alla disciplina sanzionatoria in materia di lavoro”.

Norme di prevenzione incendi e disabilità

Circolare n° 4 del 1° marzo 2002 “Linee guida per la valutazione della sicurezza antincendio nei luoghi di lavoro ove siano presenti persone disabili”. Opuscolo “Il soccorso alle persone disabili…”.

Servizi di vigilanza antincendio

DM 22/2/1996 n° 261 “Regolamento recante norme sui servizi di vigilanza antincendio da parte dei Vigili del fuoco sui luoghi di spettacolo e trattenimento”.

Funzioni e compiti dei vigili del fuoco

D.Lgs 8/3/2006, n° 139 “Riassetto delle disposizioni relative alle funzioni ed ai compiti del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, a norma dell’articolo 11 della legge 29/7/2003, n° 229”.

Ordinamento del personale dei vigili del fuoco

D.Lgs 13/10/2005, n° 217. “Ordinamento del personale del Corpo nazionale dei vigili del fuoco a norma dell’articolo 2 della legge 30/9/2004, n° 252.” Testi coordinati con le modifiche introdotte dal D.Lgs 29/5/2017, n° 97 e dal D.Lgs 6/10/2018, n° 127.

Regolamento di servizio dei vigili del fuoco

DPR 28/2/2012, n° 64. “Regolamento di servizio del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, ai sensi dell’articolo 140 del decreto legislativo 13 ottobre 2005, n° 217”.

Codice della protezione civile

D.Lgs 2/1/2018, n° 1 “Codice della protezione civile”. Testo aggiornato con le modifiche introdotte dal D.Lgs 6 febbraio 2020, n° 4 recante «disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 2 gennaio 2018, n° 1» e da altri provvedimenti.

Installazione degli impianti

DM 22/1/2008 n° 37 “Riordino delle disposizioni in materia di attività di installazione degli impianti all’interno degli edifici”.

Procedimento amministrativo e diritto di accesso

Legge 7/8/1990, n° 241 “Nuove norme sul procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi”. DPR 12 aprile 2006, n° 184 “Regolamento recante disciplina in materia di accesso ai documenti amministrativi”. DPR 28 dicembre 2000, n° 445 “Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa”. ecc.

Norme tecniche per le costruzioni

DM 17/1/2018 Aggiornamento delle “Norme tecniche per le costruzioni”.

Testo unico edilizia

DPR 6/6/2001, n° 380 “Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia”.