Menu Chiudi

Decreto GSA

Testo coordinato del D.M. 2 settembre 2021  «decreto GSA», recante «Criteri per la gestione dei luoghi di lavoro in esercizio ed in emergenza e caratteristiche dello specifico servizio di pre­venzione e protezione antincendio, ai sensi dell’articolo 46, comma 3, lettera a), punto 4 e lettera b) del decreto legislati­vo 9 aprile 2008, n. 81» con chiarimenti e commenti.[1]

Sono riportati i primi chiarimenti forniti con nota DCPREV prot. n. 15472 del 19 ottobre 2021 e le indicazioni procedurali per la formazione, l’aggiornamento, ecc. degli addetti antincendio e dei formatori forniti con la nota DCPREV prot. n. 7826 del 31 maggio 2022 e con la nota DCPREV prot. n. 12301 del 7 settembre 2022.  Il decreto è entrato in vigore il 4 ottobre 2022 (un anno dopo la sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale n. 237 del 4 ottobre 2021).

Il D.M. 2 settembre 2021 è un decreto interministeriale, adottato dal ministro dell’interno di concerto con il ministro del lavoro e delle politiche sociali, secondo quanto previsto dall’articolo 46 (Prevenzione incendi), comma 3, del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81, ove è stabilito che: «Fermo restando quanto previsto dal decreto legislativo 8 marzo 2006, n. 139 e dalle disposizioni concernenti la prevenzione incendi di cui al presente decreto, i Ministri dell’interno, del lavoro e della previdenza sociale, in relazione ai fattori di rischio, adottano uno o più decreti nei quali sono definiti: lettera a) i criteri diretti atti ad individuare: punto 1) misure intese ad evitare l’insorgere di un incendio ed a limitarne le conseguenze qualora esso si verifichi; punto 2) misure precauzionali di esercizio; punto 3) metodi di controllo e manutenzione degli impianti e delle attrezzature antincendio; punto 4) criteri per la gestione delle emergenze; lettera b) le caratteristiche dello specifico servizio di prevenzione e protezione antincendio, compresi i requisiti del personale addetto e la sua formazione».

Il provvedimento, comunemente denominato «Decreto GSA» (gestione della sicurezza antincendio), fornisce le indicazioni relative all’informazione e formazione dei lavoratori, all’aggiornamento e alle modalità di designazione degli addetti antincendio, introducendo un’importante innovazione rappresentata dalla qualificazione e i requisiti per i docenti dei corsi di formazione ed aggiornamento degli addetti antincendio.

Primi chiarimenti al decreto GSA

Con nota DCPREV prot. n. 15472 del 19 ottobre 2021 avente per oggetto «DM 2 settembre 2021 recante “Criteri per la gestione dei luoghi di lavoro in esercizio ed in emergenza e caratteristiche dello specifico servizio di prevenzione e protezione antincendio, ai sensi dell’articolo 46, comma 3, lettera a), punto 4 e lettera b) del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81”. Primi chiarimenti», sono stati forniti i primi chiarimenti sulla materia.

Indicazioni procedurali del decreto GSA

Con nota DCPREV prot. n. 7826 del 31 maggio 2022 avente per oggetto «DM 2 settembre 2021 recante “Criteri per la gestione dei luoghi di lavoro in esercizio ed in emergenza e caratteristiche dello specifico servizio di prevenzione e protezione antincendio, ai sensi dell’articolo 46, comma 3, lettera a), punto 4 e lettera b) del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81”. Indicazioni procedurali per le attività di formazione e di abilitazione», sono state fornite le indicazioni procedurali per la formazione, l’abilitazione e l’aggiornamento degli addetti antincendio e per l’accertamento dei requisiti, la formazione, l’abilitazione e l’aggiornamento dei formatori degli addetti antincendio, allegando il materiale didattico per la formazione dei formatori.

Con nota DCPREV prot. n. 12301 del 7 settembre 2022 avente per oggetto «DM 2 settembre 2021 recante “Criteri per la gestione dei luoghi di lavoro in esercizio ed in emergenza e caratteristiche dello specifico servizio di prevenzione e protezione antincendio, ai sensi dell’articolo 46, comma 3, lettera a), punto 4 e lettera b) del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81”. Ulteriori indicazioni procedurali per le attività di formazione e materiali didattici per i corsi di formazione per addetti antincendio», sono state fornite ulteriori indicazioni sullo svolgimento dei corsi e degli accertamenti dell’idoneità tecnica per addetti antincendio allegando le dispense (Dispensa per corsi 1-FOR, Dispensa per corsi 2-FOR, Dispensa per corsi 3-FOR) da utilizzate come materiale didattico da distribuire ai partecipanti ai corsi di formazione.

Per l’abilitazione degli addetti antincendio sono richiamate integralmente le disposizioni dell’articolo 1 del D.M. 28 settembre 2021 recante «Modalità di separazione delle funzioni di formazione, svolte dal Corpo nazionale dei vigili del fuoco, da quelle di attestazione di idoneità, a norma dell’articolo 26-bis, comma 5, del dlgs n. 139/2006».

Abrogazioni

Dal 4 ottobre 2022, data di entrata in vigore del «decreto GSA», sono abrogati l’articolo 3, comma 1, lettera f)[2] e gli articoli 5[3], 6[4] e 7[5] del D.M. 10 marzo 1998 recante «Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell’emergenza nei luoghi di lavoro». In ogni caso, il D.M. 10 marzo 1998 è completamente abrogato a decorrere dal 29 ottobre 2022, data di entrata in vigore del D.M. 3 settembre 2021 (cd. «Decreto Minicodice») recante «Criteri generali di progettazione, realizzazione ed esercizio della sicurezza antincendio per luoghi di lavoro, ai sensi dell’articolo 46, comma 3, lettera a), punti 1 e 2, del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81».

 

__________
[1] Il testo ufficiale del D.M. 2 settembre 2021 è pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 237 del 4 ottobre 2021.

[2]    Articolo 3 (Misure preventive, protettive e precauzionali di esercizio), comma 1, lettera f) del D.M. 10 marzo 1998: «All’esito della valutazione dei rischi di incendio, il datore di lavoro adotta le misure finalizzate a: fornire ai lavoratori una adeguata informazione e formazione sui rischi di incendio secondo i criteri di cui all’allegato VII».

[3]    L’articolo 5 (Gestione dell’emergenza in caso di incendio) del D.M. 10 marzo 1998 stabilisce che all’esito della valutazione dei rischi d’incendio, il datore di lavoro deve adottare le necessarie misure organizzative e gestionali da attuare in caso di incendio riportandole in un piano di emergenza elaborato in conformità ai criteri di cui all’allegato VIII.

[4]    L’articolo 6 (Designazione degli addetti al servizio antincendio) del D.M. 10 marzo 1998 stabilisce che all’esito della valutazione dei rischi d’incendio e sulla base dell’eventuale piano di emergenza, il datore di lavoro deve designare i lavoratori incaricati dell’attuazione delle misure di prevenzione incendi, lotta antincendio e gestione delle emergenze, i quali devono frequentare gli appositi corsi di formazione e, ove previsto, conseguire l’attestato di idoneità tecnica secondo le procedure ivi specificate.

[5]    L’articolo 7 (Formazione degli addetti alla prevenzione incendi, lotta antincendio e gestione dell’emergenza) del D.M. 10 marzo 1998 stabilisce che i datori di lavoro devono assicurare la formazione dei lavoratori addetti alla prevenzione incendi, lotta antincendio e gestione dell’emergenza secondo quanto previsto nell’allegato IX.